Torino - Tigelleria Da Emilia

sabato 23 febbraio 2019 alle 12.00

La McMusa racconta Black Coffee // Switch on the brunch!

#switchonthebrunch #daemilia

Il viaggio alla scoperta del mondo delle riviste (e dei suoi dintorni) di Switch on the brunch prosegue con Marta Ciccolari Micaldi - alias la McMusa, che racconta Black Coffee, casa editrice indipendente dedicata alla letteratura nordamericana contemporanea. 

Al centro dell’incontro, il valore della rivista letteraria come strumento di scoperta del reale, a partire da Freeman’s che con periodicità annuale propone racconti, poesie, saggi e articoli di vario genere, alla rivista canadese Brick, dai saggi di The believer alla texana Hobart.  

Una panoramica che offre una visione originale e non stereotipata della cultura americana, raccontata dalla McMusa solitamente attraverso i podcast #BlackCoffeeSoundsGood, ma che in occasione di Switch on the brunch si avrà occasione di ascoltare dal vivo!


La McMusa

Giornalista e guida letteraria, Marta Ciccolari Micaldi è specializzata in cultura e letteratura contemporanea nordamericana. Nel 2013, di ritorno da un soggiorno di dieci settimane negli Stati Uniti, ha inaugurato un blog di esplorazione del costume e della cultura statunitense (La McMusa), con un focus particolare sul romanzo contemporaneo e i concetti sempre vivi e intrecciati di sogno americano e on the road. Gli stessi che, poco dopo, hanno dato vita al suo corso di Letteratura Americana e ai tour letterari in America Book Riders, entrambi volti a unire geografia e letteratura.

Dal 2017 collabora con Black Coffee in qualità di sua voce narrante.

***

L’appuntamento successivo sarà sabato 16 marzo con la rivista letteraria Carie.

***

La rassegna Switch on the brunch si propone di raccontare in maniera informale e soprattutto conviviale il mondo dell'editoria indipendente, in un continuo dialogo tra addetti ai lavori e il pubblico. Nel secondo anno di vita della rassegna, al centro degli incontri ci sarà il (fantastico? Lo scopriremo!) mondo delle riviste. 

Ci interessa sapere chi sono le persone che ci lavorano, riflettere su quale sia oggi il loro ruolo, scoprire le specificità di ognuna. Tutto questo, mangiando.